Stampa questa pagina
Venerdì, 14 Maggio 2021 16:26

Le ASC dell’ Argentina a Hna Marìa Mossa, ASC

Sr Maria era una donna molto aperta, capace per la sua umiltà e libertà di nascondere il bagaglio della cultura d’origine, per porsi in docile accoglienza della cultura argentina.
Sr Maria era una donna molto aperta, capace per la sua umiltà e libertà di nascondere il bagaglio della cultura d’origine, per porsi in docile accoglienza della cultura argentina.  In risposta alla chiamata al rinnovamento della Chiesa, avviato dal Consiglio Vaticano II, è stata inviata pioniera nella Terra argentina con un giovane gruppo di suore missionarie. Da quel momento investe le sue intuizioni e la sua creatività in uno stile di evangelizzazione dal carattere ecclesiale che ha sempre contraddistinto la presenza e l’attività delle ASC in Terra Argentina. Sr Maria ha offerto un forte impulso alla Catechesi, lí dove è stata inviata: a Villa Bosch, ha utilizzato i metodi più all’avanguardia delle Diocesi argentine e ha introdotto la Catechesi familiare nella Scuola: “i bambini imparano le cose di Dio in famiglia, attorno alla tavola”.
Al tempo stesso, con tutte le suore, sempre come gruppo d’avanguardia è coinvolta nella catechesi parrocchiale, nella liturgia e in tutto ciò che veniva richiesto. Sr Maria è stata in prima linea anche a livello diocesano, dando avvio ai Seminari di Catechesi nella Diocesi di San Martin. Durante la sua permanenza a Tandil, non si perdeva di coraggio, pur dovendo percorrere numerosi chilometri per sostenere e avviare i Seminari di Catechesi nella Diocesi di Azul, animando come “Maestra” dei Catechisti. Attraverso la Scuola, ha abbracciato tanti bambini,  giovani e  famiglie, con lo scopo di trasmettere l’Amore a Gesù e al suo Sangue prezioso. Tante sono state le attività avviate: oltre all’insegnamento delle materie scolastiche, ha avviato gare sportive, manifestazioni musicali, offrendo la possibilità a coloro che volevano imparare a suonare uno strumento, di ricevere lezioni di Musica nel  tempo post scolastico. Ha aperto gli ambienti del Collegio, dando l’opportunità ai bambini di studiare le lingue, come l’inglese e l’italiano. Accanto alle numerose attività non sono mancate le Missioni popolari nella città di Buenos Aires e in numerose  Province argentine.A distanza di un anno dall’arrivo delle suore in Argentina, ha fatto dipingere un quadro di Maria De Mattias che ha portato processionalmente su un camioncino, in compagnia di quattro bambine della scuola dell’Infanzia vestite da angioletti (dei quali una ero io). Il tragitto iniziato dalla Scuola Pio XII dei Padri Giuseppini ha raggiunto la Parrocchia del Carmen, per concludersi alla nuova scuola delle ASC, che contava solo due stanze, e nel cui terreno era stata posizionata la prima pietra del futuro edificio scolastico. A Villa Bosch, per il suo ministero di insegnante a tutti i livelli, ha ricevuto il “Premio Divino Maestro” come riconoscimento e gratitudine dei Consigli di Educazione Cattoliche della Conferenza Episcopale Argentina.Dall’inizio Sr Maria si è interessata della pastorale vocazionale. Insieme alle altre suore, alle giovani in formazione, o soltanto con gli allievi della Scuola, portava il messaggio dell’annuncio vocazionale attraverso l’approfondimento delle chiamate nella Bibbia. Visitava le parrocchie lì dove i parroci permettevano l’annuncio del proprio carisma; organizzava ritiri vocazionali nella casa delle suore, invitando tutte le ragazze che incontrava nelle diverse parrocchie. In quelle occasioni le introduceva alla Lectio divina, all’Adorazione, offrendo loro un itinerario di crescita umana e trasmettendo l’amore al Sangue di Gesù, versato per amore. Sr Maria era attenta ad ogni consorella che ha aiutato a crescere in pienezza come donna consacrata. Aveva a cuore la loro formazione professionale e il loro cammino di crescita umana, psicologica e spirituale. Donava il suo tempo ad ognuna, ascoltando con cuore di madre le consorelle e tutte le persone che la avvicinavano.
E’ vissuta come donna di fede e di profondo slancio missionario. Il suo cuore la portava, senza esitazione a mettersi in viaggio verso Formosa, distante 1300 km da Villa Bosch (consumano nel viaggio solo galetitas e café), per prendersi cura della vita delle consorelle che vivevano così distanti dalle altre comunità. E’ vissuta come donna di fede e di profondo slancio missionario. Il suo cuore la portava, senza esitazione a mettersi in viaggio verso Formosa, distante 1300 km da Villa Bosch (consumano nel viaggio solo galetitas e café), per prendersi cura della vita delle consorelle che vivevano così distanti dalle altre comunità. Sr María ha armonizzato la sua femminilità, coltivando numerose amicizie con i Pastori della Chiesa vescovi e sacerdoti, suore e laici. Tutto questo ha fatto di lei una donna la cui armonia si è resa visibile anche nell’architettura del Collegio Preciosísima Sangre, ammirato per la originalità della struttura quasi circolare, per la luminositá, per i dettagli che rivelano la sua ampia visione di spazio educativo nell’interazione cittadina.Maria, intercede per tutte noi dal Cielo, specialmente per la sua amata Terra Argentina. Siamo orgogliose di averti avuto come consorella.


José Léon Suarez, 3 maggio 2021
Sr Patricia Ataria, ASC


IMG-20210504-WA0004.jpg



IMG-20210504-WA0005.jpg